Il dettato mi fa arrabbiare!

Il dettato mi fa arrabbiare!
Foto di JKim1

Alcuni studenti ricordano le regole benissimo, ma hanno difficoltà con l'ascolto. Altri riescono a capire tutto ciò che sentono, ma quando devono formulare le frasi da soli si dimenticano le regole più semplici, come la -s del plurale o l'articolo the. Altri ancora riescono a ricordare le parole più strane, come harmless (innocuo), fussy (pignolo), o daughter (figlia), ma poi sembrano dimenticare quelle più semplici, come dog (cane) o car (auto). Ogni studente ha un punto debole. Quello di Mimma è l'esercizio 15, il dettato. Ecco che cosa ci scrive:

"Ho ripreso gli esercizi delle lezioni dalla 11 alla 20 che avevano un punteggio scadente e li ho rifatti tutti portandoli .... più in alto. Ma ce ne è stato uno, il test 15 della lezione 17 che l'ho dovuto fare ben ..... 6 volte prima di arrivare al punteggio .... che mi piaceva ...."

Mimma

Punti deboli e punti forti

Se il punto debole di Mimma è l'esercizio 15, la sua forza è decisamente la testardaggine. Mimma ripete gli esercizi finché i risultati non sono "come dice lei". Anche quando poi raggiunge dei risultati esemplari, ripete una volta in più "perché non guasta". Poi più avanti, a distanza di tempo, si rimette alla prova, e verifica se l'esercizio 15 della lezione che ha trovato difficile funziona ancora come prima. Insomma, avete capito: Mimma non si arrende mai. Procede attenta, con pazienza, cerca di non correre, rallenta se necessario, e davanti agli ostacoli si concentra anche di più. A volte anche lei dubita delle sue capacità, ma poi si riprende, ritrova l'entusiasmo, e continua il suo percorso con fiducia.

"Ho finito proprio adesso la lezione 27 ed ero pronta per avviare la 28esima e visto che è rosa ... speriamo davvero sia semplice. Sono rimasta sorpresa del mio risultato nel test 15 e non credevo proprio!"

Mimma

Che cos'è un punto debole?

Abbiamo tutti un punto debole che ci disturba. Il problema è che spesso vediamo solo il punto debole e ci dimentichiamo di avere anche tantissimi punti di forza. Invece di concentrarci sulle nostre tante abilità, sui nostri progressi, sui nostri risultati, usiamo tutte le nostre energie per lamentarci, rattristarci e scoraggiarci, pensando al nostro unico punto debole.

Un punto debole non è un'incapacità innata incorregibile. Un punto debole è solo un'abilità che non abbiamo mai coltivato, una capacità "in via di sviluppo". Nessuna delle abilità che avete vi è stata regalata. Tutto ciò che sapete fare bene oggi è frutto di tanto esercizio, dedizione e costanza. Se volete imparare l'inglese, concentratevi su ciò che riuscite a fare bene, usate i vostri punti di forza per contrastare i punti deboli e superare gli ostacoli, esattamente come fa Mimma, e poi concedetevi il tempo che vi serve per migliorare ciò che invece ancora vi risulta difficile, come suggerisce AnnaritaB:

"All'inizio se non imparavo tutto subito mi scoraggiavo perché pensavo di non essere brava... adesso ho capito che devo aspettare perché l'inglese non funziona come pensavo io, cioè ho capito che se imparo una cosa nella lezione 18, ad esempio, la saprò molto bene verso la lezione 21 o 22, quindi adesso non mi preoccupo come prima, so che servono un paio di lezioni per ogni cosa nuova che imparo."

AnnaritaB

Siete sicuri di sapere qual è il vostro punto debole?

Non è sempre facile capire qual è il nostro punto debole, e spesso ci convinciamo di avere dei limiti che invece non abbiamo. Se anche voi avete problemi con il dettato, non significa che non avete la capacità di capire ciò che ascoltate, significa solo che siete ancora solo all'inizio di un percorso di apprendimento che richiede pazienza e costanza. Invece di scoraggiarvi, provate a mettere in discussione le vostre convinzioni o a modificare il vostro atteggiamento.

Come?

Avete provato a rilassarvi di più mentre fate il dettato? Avete provato ad affrontarlo con un atteggiamento più fiducioso? È possibile che quando fate il dettato vi sforzate troppo? Vi agitate per paura di non riuscire a capire tutto?

A volte i dubbi sulle nostre capacità e la nostra diffidenza ci fanno deconcentrare. È il fenomeno della profezia che si autoavvera: più abbiamo paura di non capire, meno riusciamo a capire ciò che ascoltiamo. Spesso poi alla paura si unisce l'impazienza, e allora non riusciamo più a capire neanche le frasi più semplici.

Ricordatevi di non pretendere troppo da voi stessi. Dovete sempre rispettarvi come rispettereste un bambino che a 1 anno inizia a dire le prime parole. Se il vostro bambino non riuscisse a dire o a capire qualcosa vi preoccupereste? Vi sentireste delusi? Pensereste che forse non ce la farà mai? O sareste sicuri al 100% che ha soltanto bisogno di tempo?

Imparate a darvi tutta la fiducia e la pazienza che vi meritate. Imparate a rispettare tutte le tappe del vostro apprendimento. Anche l'ascolto, come le altre abilità, sta crescendo sano e forte e non vi deluderà. È solo una questione di tempo.

Questione di tempo?

Proprio così! Tutto può cambiare da un giorno all'altro. Quando si studia una lingua straniera le sorprese non finiscono mai, e alcuni di voi l'hanno già toccato con mano.

"Prima ero più bravo a tradurre, adesso invece sono più bravo nel dettato e sinceramente non so perché. Ovviamente sono contento soprattutto perché pensavo che non ci avrei mai capito niente. Grazie davvero di tutto."

marzipan

"All'inizio quando sbagliavo il dettato mi arrabbiavo moltissimo. Adesso è diventato il mio esercizio preferito. Spero che continui così."

lontra

"All'inizio non capivo una parola, adesso invece le capisco quasi tutte. Mi ha aiutato molto ripetere a voce alta cosa che all'inizio non volevo mai fare, e a volte non potevo perché ero al lavoro. In pratica se voglio studiare bene bisogna stare a casa. E poi pensavo che ripetere servisse per migliorare la pronuncia e invece serve anche per il dettato."

Giovi

E ora torniamo allo studio...

Anche oggi abbiamo finito con le chiacchiere. Alla fine le parole servono, ma ciò che conta davvero sono le azioni, quindi torniamo allo studio?

Buon dettato a tutti!

Il Team di Brickster

Hi, sono Gina!

Hi!

Vuoi imparare l’inglese? Ma, davvero?