Riccardo III? Forse l'hanno trovato!

Ritrovati i resti di Riccardo III dopo 12 anni di ricerche

Il re Riccardo III d’Inghilterra (1452-1485) era davvero come lo ha descritto Shakespeare nella sua famossissima opera teatrale Riccardo III, cioè gobbo, deforme e spietato? Bisognava trovare i resti del suo corpo per risolvere (almeno per quanto riguarda l'aspetto fisico) il mistero che gli studiosi cercavano di risolvere da secoli.

Si sapeva che il re era stato sepolto nel cimitero di una chiesa che poi era stata distrutta, ma non si sapeva dove fosse la chiesa. Qualche settimana fa, dopo 12 anni di ricerche, la chiesa è stata trovata in un parcheggio di Leicester e subito dopo sono stati trovati anche dei resti che sembrano essere proprio quelli del famoso re.

Come fanno a sapere che si tratta di Riccardo III?

Il re era morto in battaglia e i suoi resti sembrano confermarlo perché la testa mostra i segni di un colpo di spada e nella schiena è stata trovata la punta di una freccia. La spina dorsale inoltre mostra segni di scoliosi e una spalla è più alta dell'altra. Ora non resta che fare tutti i test del DNA per confermare ulteriormente la scoperta, ma gli archeologi sono ormai più che certi che si tratti di Riccardo III.

In attesa di ulteriori sviluppi noi intanto impariamo che KING significa re e si legge /kɪŋ/ senza la g finale. Per riprodurre il suono /ŋ/ correttamente dovete immaginare di pronunciare anche la g (come in gatto) ma poi non la pronunciate. Se vi fermate alla n poco prima di dire la g vi esce un suono un po' strano molto nasale che finisce in fondo alla gola. Quello è il suono di KING e di tante altre parole che terminano con -ng.

Hi, sono Gina!

Hi!

Vuoi imparare l’inglese? Ma, davvero?