Women and children first!

Donne e bambini per primi
Foto di Kabacchi

La regola delle “donne e bambini per primi” probabilmente la conoscete tutti, ma forse non tutti sapete com’è nata.

È una tradizione che hanno iniziato i britannici nel 1852 a bordo della nave HMS Birkenhead. La nave trasportava i soldati (e le loro famiglie) che andavano a combattere una guerra in Sudafrica (guerra che durò 100 anni). Arrivata al Capo di Buona Speranza, la nave colpì una roccia e incominciò ad imbarcare acqua. Il capitano capì immediatamente che per la nave non c’era speranza, e diede immediatamente l’ordine di abbandonare la nave. L’ordine era che tutti (uomini, donne e bambini) dovevano buttarsi in acqua e nuotare fino a raggiungere le scialuppe di salvataggio.

Vedendo il caos che si era creato in seguito all’ordine del capitano, il comandante dei soldati, il Colonnello Alexander Seton, decise di dare un ordine diverso: tutti gli uomini dovevano aspettare sulla nave e lasciare che donne e bambini evacuassero per primi. Quasi tutti i soldati seguirono l’ordine e alcuni riuscirono anche a raggiungere la riva a nuoto.

Purtroppo delle 640 persone a bordo della nave, solo circa 200 sopravvissero, ma la tragedia servì ad ufficializzare la regola “donne e bambini per primi”. Quando il Titanic affondò, nel 1912, si salvarono il 75% delle donne e il 50% dei bambini, ma solo il 20% degli uomini.

In inglese diciamo “women and children first”, letteralmente: "donne e bambini primo". WOMAN e CHILD (come sapete se avete già studiato la Lezione 2 di Brickster) hanno un plurale irregolare. WOMAN diventa WOMEN (non womans) e CHILD diventa CHILDREN (non childs). FIRST (si legge /fɜ:st/) e significa primo.

Hi, sono Gina!

Hi!

Vuoi imparare l’inglese? Ma, davvero?