Il paese delle meraviglie di Hyde Park

Nuove attrazioni al Winter Wonderland di Hyde Park

Se siete a Londra nelle prossime settimane, non perdetevi il Winter Wonderland (il paese delle meraviglie invernale) di Hyde Park, una sorta di fiera-mercatino-circo-parco giochi che include anche la pista di pattinaggio su ghiaccio all’aperto più grande del Regno Unito e il villaggio bavarese con tutti i suoi prodotti tipici: wurstel, salsicce, panini con carne di maiale arrosto, vino caldo e frittelle.

Se mentre passeggiate da una bancarella all’altra fa troppo freddo, fate una tappa nella caffetteria/ristorante vicino al laghetto per un té o una cioccolata calda. La vista sul laghetto è davvero romantica, con i cigni e gli anattroccoli che sfilano uno dietro l’altro circondati da bellissime distese di verde e tanti alberi.

Se invece il freddo non vi spaventa, visitate il Magical Ice Kingdom (il regno del ghiaccio magico), la novità di quest’anno. È una mostra di sculture di ghiaccio all’interno di una tenda che mantiene la temperatura a -8°. Le 500 sculture sono state realizzate da 20 diversi scultori. Ci sono voluti 4 mesi di lavoro e ben 200 tonnellate di ghiaccio. All’uscita dal Magical Ice Kingdom rivaluterete la temperatura esterna e penserete che a Londra non fa poi così freddo!

Alcune parole utili ...

Winter Wonderland si pronuncia /’wɪntə ‘wʌndəlænd/ e significa “paese delle meraviglie invernale”. WINTER significa inverno, e WONDERLAND è composto da WONDER che significa meraviglia e LAND che significa terra.

Se avete già studiato la lezione 7 di Brickster sapete che in inglese i nomi che fungono da aggettivi precedono i nomi principali. È per questo che WINTER precede WONDERLAND e ICE precede KINGDOM. Ricordate anche che nella parola WONDERLAND la r non si sente.

Magical Ice Kingdom si pronuncia /’mædʒɪkl aɪs ’kɪŋdəm/ e significa letteralmente “magico ghiaccio regno”, quindi “regno del ghiaccio magico”. Fate attenzione all’aggettivo MAGICAL: la seconda a non si pronuncia.

Hi, sono Gina!

Hi!

Vuoi imparare l’inglese? Ma, davvero?