Cosce di pollo e barrette di cioccolato

Cosce di pollo e barrette di cioccolato
Foto di roboppy

Questo articolo è dedicato a chi ha già superato la lezione numero 7. Se siete ancora all'inizio del corso, rimandate la lettura per evitare di scoraggiarvi o di confondervi le idee.

I nomi possono diventare aggettivi

L'inglese è una lingua molto "comoda", perché ci permette di usare i nomi come aggettivi, senza dover aggiungere preposizioni o cambiare le desinenze (succede anche in italiano, anche se è meno frequente: biglietto omaggio, notizia bomba, parola chiave, vacanza studio, ecc.). Vediamo qualche esempio:

the garden door
(= la giardino porta)
la porta del giardino
a leather chair
(= una pelle sedia)
una sedia in pelle
a bread knife
(= un pane coltello)
un coltello per il pane
the bus stop
(= l'autobus fermata)
la fermata dell'autobus
a chicken soup
(= una pollo minestra)
una minestra di pollo
the post office
(= la posta ufficio = l'ufficio per la posta)
l'ufficio postale

Talvolta i due nomi diventano un'unica parola:

a hairbrush
(= una capelli spazzola)
una spazzola per capelli
a housewife
(= una casa moglie = una moglie che sta in casa)
una casalinga
a spaceship
(= una spazio nave = una nave per lo spazio)
una navicella spaziale
a football
(= un piede palla = una palla da usare con il piede)
un pallone da calcio
an armchair
(= una braccio sedia = una sedia con braccia)
una poltrona
wallpaper
(= muro carta = carta per il muro)
carta da parati

Ma come facciamo a mettere i nomi nell'ordine giusto?

Come ordinare i nomi

In inglese gli aggettivi precedono i nomi (Lezione 6), e ciò è valido anche per i nomi che si comportano come aggettivi. Di conseguenza il nome principale sarà sempre a destra, mentre i nomi con funzione aggettivale saranno a sinistra.

Anna ci scrive:

"Perché non posso dire "leg chicken" o "water hot bottle"?"

Prima di tutto dobbiamo stabilire qual è il nome principale e quale invece il nome che funge da aggettivo: stiamo parlando di una coscia o di un pollo? Di "una coscia di pollo" o di "un pollo di coscia"?

Sicuramente il nome principale è coscia, ed è per questo che lo mettiamo per ultimo. Pollo invece è il nome che ci dice di che tipo di coscia stiamo parlando, è il nome-aggettivo, e quindi lo mettiamo prima: a chicken leg.

Lo stesso vale per hot water bottle (borsa dell'acqua calda). Il nome principale è bottle (bottiglia, ma in questo caso borsa), perché stiamo parlando di una borsa dell'acqua calda, non dell'acqua calda di una borsa, quindi mettiamo bottle per ultimo. Hot water, invece, ci dice di che tipo di bottiglia stiamo parlando quindi lo mettiamo per primo. E non possiamo dire water hot bottle, perché l'aggettivo hot si riferisce a water, non a bottle, e anche perché un aggettivo non può seguire un nome, lo deve sempre precedere.

E quando i nomi sono più di due?

I nomi in successione possono essere anche più di due, ed è in questi casi che a volte ci si può confondere, soprattutto all'inizio. Prendiamo l'esempio che ha confuso Damiensky. La frase da tradurre era una barretta di cioccolato al latte:

"Nel fare il test finale, nel 14, mi sono sbagliato: ho scritto prima chocolate e poi milk, ma essendo entrambi riferiti al "materiale" di cui è fatta la "bar", in base a quale criterio nella successione degli aggettivi è corretto anteporre milk a chocolate?"

Come ha osservato Damiensky, il nome principale è bar, quindi lo mettiamo per ultimo. Le altre due parole, chocolate e milk, si riferiscono alla barretta, ma più precisamente: cioccolato aggiunge una caratteristica alla barretta, mentre latte aggiunge una caratteristica al cioccolato:

a milk chocolate bar una barretta di cioccolato al latte

Se cambiassimo l'ordine delle parole la frase non avrebbe più senso. Ecco cosa diventerebbe:

a chocolate milk bar una barretta di latte al cioccolato??

Riepiloghiamo?

In generale la regola è che ogni parola diventa l'aggettivo della parola che segue:

a plastic coffee cup
(= una plastica caffé tazzina)
una tazzina da caffé di plastica
the morning English lesson
(= la mattina inglese lezione)
la lezione d'inglese della mattina
the head office manager
(= il testa/capo ufficio manager)
il manager dell'ufficio principale

Potremmo anche dire che in inglese l'ultima parola è sempre la più importante, e tutte le altre la precedono, mentre in italiano è il contrario (offerta risparmio, buono sconto, idea regalo, ecc.):

a Brickster grammar exercise
(= un Brickster grammatica esercizio)
un esercizio di grammatica di Brickster
a silk wedding dress
(= un seta matrimonio vestito)
un vestito da nozze di seta
a computer card game
(= un computer carta gioco)
un gioco di carte per computer

Buon proseguimento a tutti!

Anche per oggi abbiamo finito. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno scritto anche dai loro viaggi in giro per il mondo. Buon rientro a tutti e soprattutto buon proseguimento con il corso!

Il Team di Brickster

Hi, sono Gina!

Hi!

Vuoi imparare l’inglese? Ma, davvero?